dai nonni

14 Mar

Per arrivare  al paesino occorreva andare alla ferrovia e prendere la “littorina”  e viaggiare per circa  dodici kilometri. Per noi bambini era una

avventura , nostra madre ci teneva, che di tanto intanto ,andassimo a trovare i nonni.Il viaggio iniziava, la vecchia littorina proseguiva tra

paesaggi brulli, aridi e solitari ,pieni di fascino che la nostra fantasia

arricchiva di luoghi abitati da streghe, di fantasmi dietro le finestre senza vetri di case diroccate. Ci spostavamo da un finestrino all’altro per vedere quando si giungeva alla vecchia stazioncina del paesino.Giunti alla

stazioncina , si formava il gruppo che doveva arrampicarsi per un certo sentiero (l’ IRTU) per giungere alla ” via maestra”  del paese. Iniziava cosi il cammino .Il sentiero si inerpicava  sulla collinetta e a capo del gruppo c’era , di volta in volta o mastro Peppe o mastro Ciccio( ogni volta una guida diversa a secondo di che era sceso in città e tornava al paese) che con un bastone , trovato lungo il sentiero, faceva strada ” i quatrareddrri vicini a mmia”(ibambini accanto a me )e noi dietro .   si raccoglievano fiori di campo ma soprattutto stavamo attenti ai vari racconti che le ” guide” inventavano, pieni di strani   misteri e fascino. Giunti alla via “maestra”, il gruppo si scioglieva ed ognuna proseguiva verso casa.  Noi prendavamo la strada principale del   paese.Le case costeggiavano la via ed erano abitate da gente  conosciuta e amica .Si  affacciavano sulla porta e “ccu bbona salute , ben arrivati, sarannu cuntenti donna Rafelina e mastu Franciscu di vidiri i quatrareddri”Continuavamo il nostro cammino accompagnati dal calore  e dal senso affettuoso di accoglienza..In fondo alla strada si scorgeva la casa bianca dei nonni con la “balconata” affiancate dalle scale dai gradini di marmo , il grande portone verde con i batacchi leonini di ferro bronzeo . Una volta giunti , ci accoglievano i nonni in quella casa dai soffitti alti , dal profumo di pane ed il buon odore di cucina e dal fuoco scoppiettante del camino.Le fiamme guizzavano allegre luccicanti ed il loro profumo azzurognolo si disperdeva nell’enorme cappa . Il legno  riempiva la stanza del suo vapore ….Ritornammo altre volte a trovare i nonni , ma già c’era l’autobus……….

Immagine

Papanice ieri…”A zzà Saletta”.

19 Feb

papanice_ieri_big15

Cominciamo così…

1 Feb

Cominciamo così….

Cominciamo così…

1 Feb

Istria,diario di un viaggio

Hello world!

4 Gen

Welcome to WordPress.com. After you read this, you should delete and write your own post, with a new title above. Or hit Add New on the left (of the admin dashboard) to start a fresh post.

Here are some suggestions for your first post.

  1. You can find new ideas for what to blog about by reading the Daily Post.
  2. Add PressThis to your browser. It creates a new blog post for you about any interesting  page you read on the web.
  3. Make some changes to this page, and then hit preview on the right. You can always preview any post or edit it before you share it to the world.